L’Armistizio e la fine della guerra

Il 25 luglio 1943 il gran consiglio del fascismo mette in minoranza Mussolini che viene arrestato e tradotto in un luogo segreto. Il governo Badoglio promette “la guerra continua”.

I tedeschi non si fidano e iniziano l’operazione “Alarico” cioè l’inserzione di truppe in Italia col proposito di prenderne il controllo.

L’Italia firma a Cassibile l’armistizio l’8 settembre e si arrende agli Alleati. La Germania lancia l’operazione “Nero” catturare la famiglia reale, “Asse” mettere fuori combattimento le Forze Armate italiane e “Quercia” ritrovare mussolini.

A causa di un malinteso la notizia dell’armistizio è data alla radio prima che gli ordini giungano alle truppe italiane. L’Esercito senza ordini si dissolve. “Tutti a casa!” dicono i soldati.

TORNA AL MUSEO VIRTUALE